La giornata del volontario alla Pediatria di Kimbondo

La giornata del volontario alla Pediatria di Kimbondo

Volontario alla Pediatria di Kimbondo. Il fiume Congo scorre verso sud, tagliando in due il cuore dell’Africa. Sulle sue rive la vita, sulle sue acque le speranze di coloro che fuggono dall’est martoriato, le merci che provengono dall’interno, i sogni dei giovani che vengono a Kinshasa, la capitale.

Ma Kinshasa per molti non è la terra promessa. Per molti Kinshasa è solo polvere e smog, è lavoro duro, è dormire per strada, è la Polizia che ti perseguita, è malattia, sopruso, violenza, è la fame che ti costringe a venderti o ad abbandonare i tuoi figli.

A pochi chilometri dalla capitale, a Kimbondo due Angeli con un cuore grande raccolgono i bimbi più deboli e malati, li curano, li sfamano e, a volte, qualcuno si dimentica di tornare a riprenderli. E spesso, passata l’emergenza, questi bambini diventano i figli di Mama Koko e di Padre Hugo. Loro non rifiutano a nessuno l’assistenza e offrono ai malati il cibo ed un tetto alla Pediatria. Tante storie tristi, storie di sofferenza per chi non ha più i genitori, ma anche storie di abbandono e di crudeltà. C’è un modo tutto locale di liberarsi di un bambino, di un incomodo, di un erede e di appropriarsi di tutto quello che era di proprietà dei genitori. Lo si accusa di stregoneria. Da quando il bambino è accusato di stregoneria diventa un reietto, viene abbandonato in strada o perseguitato e la maggior parte delle volte non sopravvive. Una ragazza mi dice racconta: sai, quando sono morti i miei genitori, i miei zii hanno detto che mio fratello ed io eravamo stregoni. Io sono fortunata, mi dice sorridendo, i miei zii ci hanno abbandonati qui.

Forse potrei catturare l’attenzione con immagini strazianti, ma la sofferenza si moltiplica, non si divide. Ho scelto perciò di condividere la bellezza, la speranza e anche la gioia, i bambini che sorridono, i giovani che scherzano, la ricerca di un futuro, vorrei esorcizzare i problemi e le sofferenze. Vorrei mostrare ciò che si può fare con il cuore.

Già da quando ti svegli il mattino è una festa di bambini che ti corrono intorno e la giornata passa in un attimo fra schiamazzi, inevitabili pianti di bambini e risate fragorose.

Un grazie a tutti quelli che aiutano Kimbondo, a Laura Perna (Mama Koko) e a Padre Hugo Rios e anche a chi nella sua vita, almeno per una volta decide di provare a fare il volontario alla Pediatria di Kimbondo. C’è anche chi ritorna.. chissà..

Puoi trovare un’altra storia dalla Pediatria di Kimbondo qui oppure altre immagini dalla mia mostra Un Cuore Grande

(per informazioni www.pediatriedekimbondo.net)

Clicca per l'immagine a schermo intero

Nessuno è così povero da non avere nulla da donare, non fosse altro che un abbraccio o un sorriso.

Per saperne di più

Clicca qui

Commenti

Commenti

By | 2016-10-17T18:48:20+00:00 settembre 13th, 2013|Categories: Africa, Notizie e Reportage|Tags: , |0 Commenti

About the Author:

Massimo Basso

Viaggiatore e fotografo, amo girare il mondo in cerca di nuove emozioni. Ho una vera passione per le persone e gli animali, è per questo che sono sempre alla ricerca di luoghi dove è possibile vivere veri sentimenti ed esperienze originali. Iscriviti alla newsletter, clicca qui per rimanere aggiornato sulle novità oppure seguimi su Facebook o su Flickr Le fotografie su questo sito sono copyright © Massimo Basso

Traveler and photographer, I love to travel the world in search of new emotions. I have a real passion for people and animals, that is why I'm always looking for places where you can experience true feelings and original emotions. Subscribe to my newsletter, to get updates or like my Facebook page or Flickr Photos are copyright © Massimo Basso.

Licenza Creative Commons Le fotografie sono (Photos are) © Massimo Basso