Oulu e la Finlandia centrale in primavera

Visita ad Oulu e Finlandia Centrale

Sono stato a visitare Oulu e la Finlandia centrale nella primavera 2013. Il clima purtroppo non era quello attesa e l’inverno non mollava ancora la presa.

Appoggiata sulla costa ovest. Capoluogo della omonima provincia, si trova nell’Ostrobotnia settentrionale, presso la foce dell’Oulujoki, sulle rive del Golfo di Botnia. E’ la sesta città della Finlandia.

Oulu è sia il centro commerciale che amministrativo della Finlandia Centrale, ed è riconosciuta come una città tecnologica. Tralasciando questi dati, doverosi Oulu è interessante sotto il profilo naturalistico per diversi motivi, soprattutto per la sua centralità come punto di appoggio, ma anche perché molto vicina alla baia di Liminka.

Liminganlahti

La baia di Liminka (Liminganlahti in finlandese) è un importante  zona umida protetta riconosciuta internazionalmente con con una ricca avifauna, soprattutto durante le stagioni migratorie, quando arrivano enormi stormi di oche, gru e cigni selvatici. Fotografi naturalisti arrivano da tutto il mondo per fotografare gli uccelli della baia, nei riti dellaccoppiamento.

Punto di appoggio per queste attività è il Liminganlahti Visitor Centre Tel. int. +358 (0)40 832 1781 (liminganlahti(at)metsa.fi).

Prima però di addentrarmi nella Finlandia centrale alla ricerca di specie esotiche (!) mi sono “concesso” una visita alla cittadina.

Isolette e ponti

La città si estende su un’area , che include una serie di isole collegate tra loro da ponti, anche se le principali attrazioni sono raccolte nel raggio di poche centinaia di metri.

Dalla stazione dei treni si può camminare lungo la Kirkkokatu, la strada principale con un famoso tratto pedonale chiamato Rotuaari, la strada dello shopping, e raggiungere la piazza del mercato dove è situato il Kauppatori, vivace mercato all’aperto, in riva al mare e composto  piccoli edifici in legno che ospitano negozi e ristoranti, con qualche piccola perla di artigianato locale.

A protezione della piazza la statua in bronzo di Toripolliisi, dedicata ai poliziotti che in passato pattugliavano questa zona.

Interessante anche il vicino Kauppahalli, il mercato al coperto, all’interno di un edificio vicino la piazza.

Numerosi ristoranti circondano la zona.

La cittadina di Babbo Natale

Per non lasciarci mancare nulla abbiamo fatto anche una capatina a Rovaniemi, famosa per il villaggio di Santa Claus, ma in primavera ha più l’aspetto di un villaggio abbandonato he di un posto fantastico. Nota di pregio di Rovaniemi invece il museo dell’Artico ARTIKUM, che vale veramente una visita, per conoscere un po’ meglio questo universo meraviglioso.

Infine una visita agli orsi, ma questo potete leggerlo in un altro articolo.

(Aggiornato a settembre 2016)

Volevo lasciarvi con un aforisma sul freddo, ma non ne conosco di interessanti, perciò vi lascio con un aforisma di Virginia Woolf, nata nel giorno della prima revisione dell’articolo 25 gennaio 2015, 134 anni prima, che ben si addice ad una giornata affacciati sul freddo mare artico:

Ho avuto un istante di grande pace. Forse è questa la felicità

Orso bruno in Finlandia

By | 2017-05-01T13:51:46+00:00 gennaio 7th, 2016|Categories: Città, Europa|Tags: |0 Commenti

About the Author:

Massimo Basso

Viaggiatore e fotografo, amo girare il mondo in cerca di nuove emozioni. Ho una vera passione per le persone e gli animali, è per questo che sono sempre alla ricerca di luoghi dove è possibile vivere veri sentimenti ed esperienze originali. Iscriviti alla newsletter, clicca qui per rimanere aggiornato sulle novità oppure seguimi su Facebook o su Flickr Le fotografie su questo sito sono copyright © Massimo Basso

Traveler and photographer, I love to travel the world in search of new emotions. I have a real passion for people and animals, that is why I'm always looking for places where you can experience true feelings and original emotions. Subscribe to my newsletter, to get updates or like my Facebook page or Flickr Photos are copyright © Massimo Basso.

Licenza Creative Commons Le fotografie sono (Photos are) © Massimo Basso

Scrivi un commento